La scrittrice Maria Pia Basso incontra gli alunni dell’istituto d’istruzione superiore “Giudici Saetta e Livatino” di Ravanusa.

Il 29 ottobre 2016, alcune classi di questo istituto hanno effettuato un incontro con la scrittrice Maria Pia Basso. Esso si è tenuto presso la biblioteca comunale di Ravanusa ed aveva lo scopo di permetterci di confrontarci, discutere e commentare i libri, che noi ragazzi abbiamo letto su proposta dei nostri insegnanti.

Quest’incontro, programmato dai nostri docenti di lettere, si è dimostrato subito molto interessante e tutti noi siamo stati piacevolmente coinvolti nel dialogo con la scrittrice, la quale, tempestata dalle nostre domande, ha sempre risposto in modo semplice, coinvolgendoci e rendendoci partecipi delle sue aspirazioni, pensieri e situazioni, che l’hanno indotta a scrivere i libri: “Vento nell’anima” e “Noi due”, adatti ad un pubblico di ragazzi.

Dapprima, i nostri insegnanti ci hanno permesso di iniziare in classe la lettura del libro che, successivamente, abbiamo continuato a casa. Gli obiettivi di questo progetto sono i seguenti:

  • L’amore per la lettura;
  • L’accesso diretto ai testi;
  • La consapevolezza dei generi letterari;
  • L'acquisizione di capacità organizzative del linguaggio e di elaborazione stilistica;
  • La capacità di riflessione; - Individuare le tematiche di fondo;
  • Analizzare le principali tematiche dell'autore ed operare collegamenti e confronti;
  • Comprendere il senso dei testi e coglierne la specificità linguistica, letteraria e retorica;
  • Interpretare i testi usando le conoscenze relative all'autore e al contesto.

Leggere questi due libri non è stato né noioso né sgradevole, anzi, passo passo, la lettura si faceva sempre più interessante e coinvolgente. Il secondo incontro si terrà a Marzo per concludere questa bellissima esperienza, molto utile per noi ragazzi per arricchire il nostro bagaglio culturale. 

Alessia Maria Savarino & Calogero Palermo 2ªE

 

 

 

 

 

amministrazione trasparente

 
 
 
 
 

Intercultura

 

Progetto MedArtEdu

 

Go to top